allenarchitettura -
allenarchitettura - SCUOLA A SAN CRISTOFORO L’architettura, con strumenti contemporanei e un linguaggio non mimetico, prova a ricucire le lacerazioni per favorire la rinascita di una socialità perduta, di momenti di relazione e solidarietà apparentemente non più possibili. Dall’ascolto del suo racconto nasce il pensiero progettuale per questo luogo anch’esso definito da due distinti toni: su via Belfiore un corpo compatto e urbano che prosegue la cortina edilizia prendendone la misura e i tratti e ne costituisce un termine chiaro e certo, a sud e a ovest l’apertura verso spazi degradanti, verdi e organici con volumi trasparenti, sospesi e leggeri.  

SCUOLA A SAN CRISTOFORO

L’architettura, con strumenti contemporanei e un linguaggio non mimetico, prova a ricucire le lacerazioni per favorire la rinascita di una socialità perduta, di momenti di relazione e solidarietà apparentemente non più possibili. Dall’ascolto del suo racconto nasce il pensiero progettuale per questo luogo anch’esso definito da due distinti toni: su via Belfiore un corpo compatto e urbano che prosegue la cortina edilizia prendendone la misura e i tratti e ne costituisce un termine chiaro e certo, a sud e a ovest l’apertura verso spazi degradanti, verdi e organici con volumi trasparenti, sospesi e leggeri.

 

allenarchitettura - PARTI L’edificio si stacca sul declivio che scende verso sud ovest come una palafitta. I suoi diversi corpi si appoggiano delicatamente a terra con sottili pilastri rispettosi del suolo che verrà rinaturalizzato. L’orditura del progetto è semplice, gli spazi sono domestici e misurati, le parti chiaramente identificabili: Il corpo a cortina su via Belfiore è chiuso verso la strada ma aperto verso la corte interna. Il suo fronte esterno è rivestito da una pelle ventilata di sottili doghe di cotto siciliano leggermente distanziate. Questo spazio è polifunzionale: di primo mattino ospita l’ingresso e l’accoglienza dei bambini, durante la giornata le attività collettive della scuola materna, nel pomeriggio e la sera le attività formative e culturali per la cittadinanza. Una scala e un ascensore lo collegano al piccolo auditorium accessibile anche dal parcheggio al piano inferiore. Il corpo delle aule è aperto a sud, luminoso e trasparente per favorire il migliore

PARTI

L’edificio si stacca sul declivio che scende verso sud ovest come una palafitta. I suoi diversi corpi si appoggiano delicatamente a terra con sottili pilastri rispettosi del suolo che verrà rinaturalizzato. L’orditura del progetto è semplice, gli spazi sono domestici e misurati, le parti chiaramente identificabili: Il corpo a cortina su via Belfiore è chiuso verso la strada ma aperto verso la corte interna. Il suo fronte esterno è rivestito da una pelle ventilata di sottili doghe di cotto siciliano leggermente distanziate. Questo spazio è polifunzionale: di primo mattino ospita l’ingresso e l’accoglienza dei bambini, durante la giornata le attività collettive della scuola materna, nel pomeriggio e la sera le attività formative e culturali per la cittadinanza. Una scala e un ascensore lo collegano al piccolo auditorium accessibile anche dal parcheggio al piano inferiore. Il corpo delle aule è aperto a sud, luminoso e trasparente per favorire il migliore

allenarchitettura - IL LUOGO Ogni luogo parla e racconta di sé. Due parti caratterizzano il racconto di questo luogo:a nord un tessuto urbano compatto, storicamente definito, con tratti popolari ma insieme una misura umana e dignitosa che trova in via Belfiore i suoi ultimi ultimi segni e il suo termine, a sud un area di margine senza disegno né forma, sfrangiata e con evidentissimi segni di degrado. 

IL LUOGO

Ogni luogo parla e racconta di sé. Due parti caratterizzano il racconto di questo luogo:a nord un tessuto urbano compatto, storicamente definito, con tratti popolari ma insieme una misura umana e dignitosa che trova in via Belfiore i suoi ultimi ultimi segni e il suo termine, a sud un area di margine senza disegno né forma, sfrangiata e con evidentissimi segni di degrado. 

allenarchitettura -
allenarchitettura -
allenarchitettura -
allenarchitettura -
allenarchitettura - SOSTENIBILITA L’edificio è pensato come un organismo vivente dove i suoi ospiti hanno garantita la salubrità dell’aria e la protezione contro il rumore. L’obbiettivo è una scuola a consumo zero. Le prestazioni energetiche simulate (UNI EN 832) sono inferiori ai 15Kw/mq/anno, inferiori dell’80% rispetto agli standard del decreto 192. L’orientamento garantisce al fabbricato un comportamento passivo. I materiali sono rinnovabili, vegetali, atossici e a basso contenuto energetico. Il sistema di costruzione è per assemblaggio meccanico a secco di componenti prefabbricate in legno. Riscaldamento e raffrescamento si ottengono con impianto radiante a pavimento a bassa temperatura alimentato da collettori solari sottovuoto. La ventilazione è naturale per i mesi caldi e meccanica controllata con recupero di calore per i mesi freddi. L’impianto elettrico usa la tecnologia BUS che consente il governo automatico dei sistemi di illuminazione, ombreggiamento e di ricambio

SOSTENIBILITA'

L’edificio è pensato come un organismo vivente dove i suoi ospiti hanno garantita la salubrità dell’aria e la protezione contro il rumore. L’obbiettivo è una scuola a consumo zero. Le prestazioni energetiche simulate (UNI EN 832) sono inferiori ai 15Kw/mq/anno, inferiori dell’80% rispetto agli standard del decreto 192. L’orientamento garantisce al fabbricato un comportamento passivo. I materiali sono rinnovabili, vegetali, atossici e a basso contenuto energetico. Il sistema di costruzione è per assemblaggio meccanico a secco di componenti prefabbricate in legno. Riscaldamento e raffrescamento si ottengono con impianto radiante a pavimento a bassa temperatura alimentato da collettori solari sottovuoto. La ventilazione è naturale per i mesi caldi e meccanica controllata con recupero di calore per i mesi freddi. L’impianto elettrico usa la tecnologia BUS che consente il governo automatico dei sistemi di illuminazione, ombreggiamento e di ricambio

Facebook Instagram share Follow